13 marzo, 2009

Senza titolo

Ho cancellato un pensiero, la libertà con cui mi esprimo, una risata chiassosa, la mia presenza chiaramente indesiderata. Ho cancellato la rabbia nel difendermi, lo stupore del cambiamento che mi ha nuovamente colta impreparata. Ho cancellato la mia faccia per chi intanto già non se la ricordava, la ricerca affannosa ed affannata di qualcosa che è svanito, la paura dell' indifferenza che forse ho meritato...sono una bugiarda, piango spesso e non riesco a cancellare.

2 commenti:

katiu ha detto...

Cancella pure le risate, le lacrime, le arrabbiature o quel che tu vuoi.
Ma non cancellare mai te stessa: sarebbe un grosso errore.

Anonimo ha detto...

Sembri paranoica.