03 settembre, 2008

Operazione e cuore aperto

Ci sono cose che non andrebbero dette, altre che non andrebbero fatte eppure qualcosa di ignoto e meraviglioso ci spinge a dirle e farle. Ci sono sentimenti che arrivano al cuore senza passare per il cervello e non perchè questo non ci sia, ma semplicemente perchè non li riesce a controllare, decifrare ed eliminare; leggeri, impalpabili, vagano in noi senza una meta e possono passare giorni e giorni ma loro sono lì che galleggiano e non affondano. Non necessariamente sono condivisi, anzi, direi che la maggior parte delle volte non lo sono affatto ma questo non implica il doverci rinunciare, l'imporsi di frenarli o addirittura ignorare che esistano o che siano mai esistiti, fanno parte di noi anime perse che accarezziamo i cuori, a volte, senza riuscire ad entrarci. Si vive di ricordi, di emozioni urlate tutte d' un fiato o sussurate per la paura di essere derisi o fraintesi. Una notte, senza un perchè, la luna è più luminosa, gli occhi brillano di più e il giorno dopo, al risveglio, il cuore batte un po' più veloce: il sentimento abbandona la via della ragione e nella testa c'è un nuovo bellissimo "perchè?". Niente di grave, niente da cui si voglia guarire. Le parole sono troppe ma escono senza controllo dalla bocca sfiorando le labbra come un bacio rubato. Ci sono cose che la ragione non avverte ma il cuore, per fortuna sì !
(Grazie a Milo Manara che è riuscito a rendere le donne più belle ed affascinanti che mai).

2 commenti:

calendula / trattalia ha detto...

se potessi tornare indietro alcune cose non le rifarei...e alcune parole non le ridirei... mai...e per contro avrei voluto dirne di più ad una persona... ci dimentichiamo troppo facilmente che non siamo immortali...

Clorophilla ha detto...

Grazie Calendula perchè speravo che qualcuno "di cuore" commentasse questo mio post e il tuo mi sembra da quello che scrivi che sia proprio grande!