31 agosto, 2008

"No pubblicità in buca"

"No pubblicità in buca" significa niente volantini dei supermercati pieni zeppi di prodotti utili e inutili, niente inviti all' inaugurazione di chissà quale negozietto carino in zona ma soprattutto...niente catalogo Ikea! E così l' unica alternativa è il furto. Quando entro in azione do la precedenza al condominio dei miei genitori, poi a quello dei miei suoceri che addirittura, per farmi contenta, me li tengono da parte e, solo in casi disperati, proprio se mi ci vedo costretta, quatta quatta, furba e veloce come una gatta, ripulisco le buche e i contenitori di Cartesio a casa di amici. Sicuramente il catalogo Ikea è il bottino più prezioso. Sarà che mi piace tanto girare all' Ikea, sarà che all' ingresso un po' invidio i bimbi sepolti nelle palline multicolore e mi domando che cosa si provi (i miei non mi ci hanno mai portata), sarà che mi procuro l' enorme borsa gialla speranzosa di riempirla poi con oggetti colorati, esteticamente gradevoli ma assolutamente inutili, saranno i letti dalle lenzuola stravaganti, quei divani dalle fantasie impensabili, sarà semplicemente l' atmosfera di tante case in una sola. Giro e rigiro, curiosando e fantasticando..."questa cucina potrebbe essere la cucina di una piccola baita in Trentino, isolata ma accogliente, riscaldata da un caminetto con davanti un tappeto rosso su cui aspettare che la torta di mele in forno sia pronta per una merenda davvero speciale, alle finestre le tendine a quadretti e fuori tanta, troppa neve..."oppure "questo divanetto blu, così essenziale, starebbe benissimo nella mia piccola mansarda, mi ci vedo sdraiata a scrivere l' articolo più interessante che abbia mai scritto, quello che riceve solo commenti positivi..." o ancora "che meraviglia quella poltrona verde, sembra una grossa foglia di quercia, è del mio colore preferito e potrebbe occupare, solo lei, una camera dalle pareti lilla...". Nel reparto cucina improvvisamente non sono più "quella che non cucina, scongela" ma divento l' aiuto-cuoco di un famoso chef e quindi, per i miei manicaretti, mi occorre tutto il necessario: dalle formine per i biscotti alla cannella e zenzero allo spargi-zucchero a velo, oserei dire, fondamentale in ogni cucina che si rispetti. In questo modo, quando sono all' Ikea, sono anche un po' a casa mia e il catalogo stuzzica la mia fantasia nello stesso modo. Da Clorophilla a Eva Kant (magari!)...il catalogo 2009 stasera sarà mio!

2 commenti:

calendula / trattalia ha detto...

anche a me piace girare per i negozi di mobili... mi piacciono soprattutto le cucine, e le camere da letto,

Clorophilla ha detto...

Io adoro anche i divani, stuzzicano un sacco la mia fantasia e me li immagino un po' ovunque, l'ideale sarebbe un divano viola in mezzo ad un prato verde! (I miei colori preferiti)